40 pupille, 80 palpebre, 400 dita, 1500 battiti al minuto, 20mila trilioni di cellule e km di neuroni nella stessa nube d’aura: un unico organismo.

Room with view or obligatory stay?

Enclosure stations and more or less efficient connectivity, perspectives closed by windows and HD monitors, social distancing and collaborative tools...

03.jpg 01.jpg 02.jpg 04.jpg 05.jpg 06.jpg 07.jpg 08.jpg 09.jpg 10.jpg 11.jpg 13.jpg 14.jpg 12.jpg 15.jpg 17.jpg 16.jpg 18.jpg 19.jpg

… come cambia il nostro lavoro nel tempo del Covid? Ancora è presto per dirlo, ci abbiamo provato qui a parole e abbiamo sentito il bisogno di documentarlo qui per immagini.

Ognuno di noi ha ripreso la propria postazione di lavoro e ciò che vede dalla finestra più prossima. Ognuno di noi ha arredato la sua costrizione all’isolamento e condiviso la propria intimità domestica violata con il lavoro.

19 postazioni di clausura, 19 affacci al mondo esterno, 1 studio diffuso in tempo di quarantena. Guardando queste immagini accade che istintivamente andiamo alla ricerca di quei piccoli dettagli che ci aiutano a stare insieme:

  1. il calendario disegnato a mano di Livia,
  2. l’assenza metafisica degli oggetti da compagnia di Dario,
  3. la pulizia in bianco e nero di Zane,
  4. il feticismo degli oggetti di Alex,
  5. l’accumulo disordinato di Michele,
  6. l’essenziale svizzero e materico di Andrea,
  7. la simmetria di Christian,
  8. l’accumulo quasi ordinato e polimaterico di Beppe,
  9. la luce, le piante e i giradischi di Giacomo,
  10. tre schermi! Ma mancano le briciole di carta di Edo?
  11. la scoperta del pollice verde nascosto di Jessica!
  12. Matteo ha un gatto.
  13. cos’è il pallino rosso sospeso tra la tecnologia di Leo?
  14. il legno e la natura di Simona. Ma che ci fa con i CD?
  15. cosa nasconde Nicolò tra i monitor?
  16. sarà comodo il divano da lavoro di Simi?
  17. Giulio ha un panda rosso?
  18. la tipografia di Antonio ha coinvolto anche il gatto?  
  19. il grafico pompiere.

Vedi anche
Dr. Strangework. Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare il lavoro remoto