40 pupille, 80 palpebre, 400 dita, 1500 battiti al minuto, 20mila trilioni di cellule e km di neuroni nella stessa nube d’aura: un unico organismo.

Face to face

Il fotografo Piergiorgio Sorgetti è venuto a trovarci. Il suo sguardo, silenzioso e discreto, ci racconta al  lavoro e senza posa.

face_to_face-p_sorgetti-1.jpg face_to_face-p_sorgetti-2.jpg face_to_face-p_sorgetti-3.jpg face_to_face-p_sorgetti-4.jpg face_to_face-p_sorgetti-5.jpg face_to_face-p_sorgetti-6.jpg face_to_face-p_sorgetti-7.jpg face_to_face-p_sorgetti-8.jpg face_to_face-p_sorgetti-9.jpg face_to_face-p_sorgetti-10.jpg face_to_face-p_sorgetti-11.jpg face_to_face-p_sorgetti-12.jpg face_to_face-p_sorgetti-13.jpg face_to_face-p_sorgetti-14.jpg face_to_face-p_sorgetti-15.jpg

Entrare in uno studio di design come Chialab significa trovare un ambiente modellato dalla sensibilità di persone che condividono esperienza e conoscenza attraverso un confronto.

Questo confronto è sempre dinamico e creativo.

Ogni elemento dello studio ne rispecchia un altro, ogni gesto nello spazio circostante confluisce in un dettaglio apparentemente trascurabile, in qualcosa che prende vita.

“Face to face” è uno sguardo che si rapporta alle relazioni interne tra questi dettagli, tra i gesti, le abitudini e le curiosità dello studio.

L’insieme delle particolarità – e le interazioni che ne derivano – rispecchia il carattere del luogo stesso, il suo modo di coinvolgere e di farsi conoscere come luogo creativo e di produzione, come spazio di lavoro e di confronto, generatore di idee e autore di progetti.

Piergiorgio Sorgetti
http://www.piergiorgiosorgetti.it/