Biciclope-marchio-web.jpg

Biciclope

Un sistema antifurto per biciclette che coniuga una tecnologia innovativa con un approccio social per contrastare il problema dei furti. Sensori installati nelle biciclette e app per smartphone formano un social network che permette di creare una rete di persone che attivamente si aiutano per ritrovare le bici.

Come. Inserirsi in un settore affollato e in grande crescita come quello della bike economy, con un prodotto innovativo, ci ha imposto scelte nette per la costruzione di una forte identità. L’immagine che Biciclope vuole trasmettere è quella di un prodotto tecnologico, affidabile e alla portata di ogni tipologia di ciclista. Con queste premesse abbiamo creato un logo dalle linee essenziali e pulite, con una forte connotazione, pur senza attingere all’iconografia tipica di molti prodotti del settore. Biciclope è un nome che fonde al proprio interno due radici. L’icona nasce come emanazione diretta del nome, la lettera “O” diventa un occhio che sorveglia le nostre bici e le tiene al sicuro, la tagline riprende e rafforza la funzione peculiare del dispositivo.
Cosa. Identità, comunicazione, progetto UX e UI per App iOS e Android, packaging.
Cliente. Telamone Srl, Bologna (IT).
Anno. 2019

bcbf_workshop_19_cover_02.jpg

BCBF 2019. Visual identity workshop

Da dieci anni curiamo l’identità visiva di Bologna Children’s Book Fair. Dal 2017 l’immagine della fiera prende forma all’interno del laboratorio BCBF visual identity workshop: protagonista di quest’anno è la giovane illustratrice russa Masha Titova, selezionata tra gli illustratori della Illustrators Exhibition 2018.

Come. Masha è venuta a trovarci in studio a metà giugno. Per tre giorni abbiamo lavorato a ritmo serrato nel nostro cortile, disegnando, discutendo, ritagliando draghi, volpi, farfalle e pareti di cartoncino. Non esiste una formula precisa, ogni anno il workshop assume una configurazione differente e impariamo sempre  qualcosa di nuovo. Al termine dei tre giorni sul tavolo è rimasto un mondo labirintico, fatto di specchi e assonometrie, dove sperimentare il piacere di perdersi sprofondando in pareti che sembrano quinte di un palcoscenico, confondendosi tra figure che diventano sfondi e sfondi che diventano figure. Siamo fuori dai canoni della classica identità visiva, spesso ripetitiva e monotona. E proprio questo ci ha convinto: un’immagine poliedrica, sfaccettata, animata e multiforme ci sembra ben rappresentare la ricchezza ed eterogeneità dei contenuti di Bologna Children’s Book Fair.
Cosa. Selezione dell’illustratrice, sviluppo dell’idea e del tema portante, progetto.
Cliente. Bologna Fiere, Bologna (IT).
Anno. 2019

L’idea, il progetto e i primi sviluppi li raccontiamo anche sul sito BCBF.

Il nostro lavoro insieme a Bologna Children’s Bookfair

P1020370.JPG

Plastod

Con oltre 100 anni di storia Plastod è uno dei marchi leader in Europa nella produzione di dispositivi medici adesivi per ospedali, farmacie e grande distribuzione.

Pur lavorando principalemente per conto terzi, l’azienda ha deciso oggi di tornare sul mercato rinnovando la linea di prodotti a proprio nome.

Come. Abbiamo progettato l’intera linea Plastod con un design capace di adattarsi ai 115 prodotti declinati in un’ampia tipologia di confezioni di diverso formato. Ci è stato chiesto un forte rinnovamento stilistico che mantenesse la comunicazione chiara, tecnica e professionale. Tutti gli elementi presenti sulle confezioni (colori, foto, icone, indicazioni) rendono il prodotto facilmente riconoscibile per l’utente e inquadrano la linea di dispositivi medici Plastod all’interno dei prodotti farmaceutici professionali di fascia alta.
Cosa. Packaging. Analisi, progetto, direzione artistica della fotografia, realizzazione e coordinamento del flusso produttivo.
Cliente. Plastod S.p.a, Bologna (IT).
Anno. 2018.

Per i 100 anni del marchio abbiamo progettato una pubblicazione dove si raccontano con foto, interviste, disegni e brevetti i primi cento anni di vita di Plastod.

citybincover.jpg

Citybin

Citybin è un servizio innovativo per la raccolta differenziata di carta, plastica, vetro e alluminio nel centro storico di Mantova.

Un contenitore modulare che rende il conferimento dei rifiuti più comodo per il cittadino, la raccolta più pulita per la città e il riciclo più efficiente per l’ambiente.

Come. Abbiamo redatto il piano di comunicazione per promuovere il nuovo cassonetto di Mantova Ambiente ai cittadini. La comunicazione trasmetterà un’immagine forte e coerente dell’impegno e la cura con cui i mantovani e Mantova Ambiente affrontano i problemi legati all’ambiente, all’ecologia, alla sostenibilità. Il progetto è iniziato costruendo l’identità del nuovo cassonetto (naming, logo, progetto grafico della tessera elettronica) e prosegue con la declinazione su tutti i supporti utilizzati per informare e sensibilizzare i cittadini sul nuovo servizio.
Cosa. Identità, progetto grafico, direzione creativa, copy ed editing dei contenuti.
Cliente. Mantova Ambiente, Mantova (IT).
Anno. 2018.

I nuovi cassonetti Citybin sono stati realizzati dal Comune di Mantova, in collaborazione con Mantova Ambiente, su progetto di Giulio Iacchetti.

Guarda i video di presentazione qui e qui

BCBF Chloe-01.png

BCBF 2018. Visual identity workshop

Abbiamo elaborato l’identità visiva dell’edizione 2018 di Bologna Children’s Book Fair all’interno del laboratorio BCBF visual identity workshop. 

Quest’anno tra gli illustratori della Illustrators Exhibition 2017 abbiamo selezionato la giovanissima Chloé Alméras, parigina di ventidue anni: cercavamo architetture di mondi, paesaggi abitati, sistemi planetari, ambienti vivi e articolabili. Siamo sprofondati dentro alle illustrazioni di Chloé, nei suoi blu e nei suoi microscopici dettagli, che ci hanno fatto intravedere un loro possibile uso per raccontare la fiera. Un mondo brulicante di dettagli e al contempo abitato da una serena intensità.

Come. Chloé è venuta a trovarci a luglio, abbiamo trascorso molte ore insieme per entrare in sintonia. In breve ci siamo trovati sommersi dai suoi disegni, pieni di minuscoli dettagli, che ci hanno suggerito l’idea di un mondo fertile dove le storie nascono, si condividono e si moltiplicano: nasce così il tema portante di questa edizione, “Fertile ground for Children’s Content”.
Cosa. Selezione dell’illustratrice, sviluppo dell’idea e del tema portante, progetto.
Cliente. Bologna Fiere, Bologna (IT).
Anno. 2018.

L’idea, il progetto e i primi sviluppi li raccontiamo anche sul sito BCBF.

Il nostro lavoro insieme a Bologna Children’s Bookfair

Q_2.png

1999-2019: vent'anni di Q

Per festeggiare i 20 anni di Q arriva in libreria un’edizione speciale a tiratura limitata con copertina rigida, mappe, tavole fuori testo e una nuova introduzione di Wu Ming.

Come. Da molti anni progettiamo le cover dei libri di Wu Ming per la casa editrice Einaudi. In occasione dei vent’anni dall’uscita di Q abbiamo realizzato un’edizione speciale per celebrare un libro che ha segnato uno spartiacque nella letteratura italiana degli ultimi decenni.
Cosa. Progetto grafico.
Cliente. Einaudi Editore, Torino (IT).
Anno. 2019

Qui il libro in anteprima. Qui il nostro lavoro sulle copertine.

logo rodari color

100 Gianni Rodari

Il 2020 sarà il centenario della nascita di Gianni Rodari. Per celebrare quest’evento la casa editrice EL,  punto di riferimento per le opere dello scrittore, ci ha chiesto di accompagnarli per dare visibilità in tutto il mondo a questo importante anniversario.

Come. L’immenso portato di immaginazione e fantasia di Rodari apre scenari potenzialmente inesauribili che rischiavano di condurci in un viaggio senza fine. Ci siamo concentrati sul bisticcio di parole, l’allitterazione, il doppio senso, messo in evidenza attraverso la tipografia e colore. Con questo primo rilascio la casa editrice potrà evidenziare le riedizioni per il centenario, il design delle quali sarà curato da noi in linea con la nuova brand identity.
Cosa. Brand identity, visual identity, art direction, animazione.
Cliente. Edizioni EL, Trieste (IT).
Anno. 2018

senza-parole-book.jpg

Senza parole

Abbiamo prodotto il catalogo illustrato per Senza Parole, una mostra bibliografica, a carattere itinerante, costituita da silent book e corti di animazione senza parole che arrivano da diversi paesi del mondo.

Come. Abbiamo progettato la mostra e il catalogo illustrato, che comprende una bibliografia, una filmografia ma anche contributi di esperti e schede operative.
Cosa. Progetto allestimento, progetto grafico e impaginazione catalogo, archigrafica e immagine coordinata.
Cliente. Cooperativa Culturale Giannino Stoppani, Bologna (IT).
Anno. 2018.

Il progetto, curato dalla Cooperativa Culturale Giannino Stoppani, nasce da un’idea del gruppo “Un sorriso un libro per Silvia”, per ricordare la bibliotecaria Silvia Agnelli e il suo profondo senso di responsabilità e cura del presente, in particolare rivolto ai bambini. Senza Parole si ispira ai valori sostenuti da IBBY (International Board on Books for Young People) e in particolare al progetto di cooperazione internazionale “Libri senza parole. Dal mondo a Lampedusa e ritorno”, promosso da Ibby Italia.

La mostra, inaugurata il 17 febbraio 2018 presso la Sala Consiliare del Comune di San Zeno Naviglio, circolerà nelle biblioteche di Rezzato, Montichiari, Sirmione, Nuvolento, Botticino.

monsieur frels occhiali

Frels - keep in touch with your glasses

Frels è un nuovo prodotto “eyewear”: due piccole estensioni delle stanghette che permettono di non perdere gli occhiali tenendoli comodamente sulle spalle. Sono stati sviluppati in due anni di ricerche sui temi usabilità, biocompatibilità e tecnologia nel rispetto dei crismi dell’alta qualità dei prodotti svizzeri.

Come. Siamo partiti da un’attenta analisi delle caratteristiche del prodotto e del suo futuro habitat nei negozi di ottica. In base alle conclusioni ottenute abbiamo definito gli aspetti strategici della comunicazione: logogramma, identità visiva, packaging, materiali promozionali e minisito. 

Cosa. Identità, strategia, sito web, comunicazione.
Cliente. Frels, Lugano (CH).
Anno. 2016.

www.frels.swiss

Il progetto Frels nel dettaglio

dockbooking-AppHomeLoggedGPS.png

DockBooking

DockBooking è un’app mobile per la prenotazione di posti barca e un CMS (web) per la loro gestione e amministrazione da parte dei portuali.

Come. DockBooking ha richiesto una lunga analisi dei competitors nel settore nautico e delle best practice nei settori delle prenotazioni online. Conclusa l’analisi e le prime fasi di progettazione si è passati rapidamente allo sviluppo di un prototipo che ci ha permesso di raccogliere dati e informazioni sulle esigenze dei gestori e di testare le funzionalità dell’app.

Cosa. Analisi, progetto generale, progetto UX e UI, prototipazione, sviluppo, test.
Metodo e tecnologie. Agile, Scrum, DNA, Synapse, Nativescript, Stripe.
Cliente. DockBooking, Lugano (CH).
Anno. 2017.

Vedi: https://www.chialab.it/works/dockbooking-work

Precedente Pagina: 1 / 8 Prossima